Statuto

Art. 1 – DENOMINAZIONE E SEDE

 

E’ costituita l’Associazione “Il Circolo delle Quinte”, è una libera Associazione di fatto, libera, apolitica, apartitica, aconfessionale, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma dell’  art. 36 e segg. del codice civile, nonché del presente Statuto.

Sede dell’Associazione è in Via Teresa Ciceri 13, 22100 Como.

La durata dell’Associazione è a tempo indeterminato.

 

Art. 2 – FINALITÀ

 

L’Associazione “il Circolo delle Quinte”  persegue i seguenti scopi:

 

  1. Diffondere la cultura musicale e promuovere tutte le sue espressioni e manifestazioni;
  2. Promuovere la cultura musicale ed artistica in genere, attraverso l’incontro fra persone, enti ed associazioni;
  3. Esercitare, in via marginale e senza scopi di lucro, attività di natura commerciale per autofinanziamento: in tal caso l’Associazione dovrà osservare le norme amministrative e fiscali vigenti;
  4. Organizzare e/o promuovere manifestazioni, concerti, spettacoli, corsi, etc.. realizzati da associazioni, artisti, enti pubblici e privati;
  5. La stipulazione di accordi che prevedano agevolazioni per i soci con enti pubblici e privati che organizzano eventi artistici, corsi, etc;
  6. Curare la gestione di siti web, la redazione, la pubblicazione e la diffusione di libere pubblicazioni per la promozione delle attività dell’Associazione;
  7. Servirsi del lavoro, anche retribuito, di persone esterne all’Associazione per il raggiungimento delle sue finalità;
  8. Instaurare rapporti collaborativi e coadiuvanti con enti, pubblici e privati, aventi analoghe finalità;

 

L’Associazione potrà richiedere ed accettare contributi, finanziamenti e prestiti, aprire conti correnti bancari e postali con firma di traenza del solo presidente o di un eventuale procuratore da questi designato.

 

Art. 3 – SOCI

 

Possono essere soci dell’Associazione le persone fisiche e/o giuridiche la cui domanda di iscrizione sia stata accettata dal Consiglio Direttivo che siano interessate all’attività dell’Associazione medesima, ne condividano finalità sociali, accettino e si impegnino a rispettare le disposizioni statutarie e regolamentari.

L’ammissione dei soci ordinari è deliberata dal Consiglio direttivo, a seguito di domanda scritta del richiedente.

 

I Fondatori dell’Associazione sono coloro che hanno partecipato alla costituzione dell’Associazione sottoscrivendone l’atto costitutivo: Amedeo Visioli, Claudio Fattorini, Paolo Capelli, Ilaria Taroni, Valentina Molteni, Diego Paul Galtieri, Enzo Moretti, Chiara Ines Luisa Tarabotti.

 

Le persone giuridiche fanno parte dell’Associazione tramite il loro legale rappresentante o un delegato che non risulti socio dell’Associazione a titolo individuale.

Non è ammessa la trasferibilità delle quote né la possibilità di procedere alla rivalutazione del loro valore.

 

La qualità di socio si perde per esclusione per comportamenti contrastanti con le finalità dell’Associazione, per recesso, per decesso del socio oppure per mancato versamento della quota associativa dopo che il Consiglio Direttivo ne abbia sollecitato il pagamento.

Il recesso è consentito a qualsiasi socio ed in qualsiasi momento, previa comunicazione scritta da mandare al Consiglio Direttivo.

Il recesso del socio non comporta alcun onere per l’Associazione in quanto il socio uscente non ha alcun diritto di liquidazione della propria quota sociale o dei versamenti a qualsiasi titolo effettuati. In tutti i casi di interruzione del rapporto associativo la quota associativa non può essere restituita né può essere trasmessa e il socio perde automaticamente ed immediatamente tutti i diritti, doveri, qualifiche e cariche.

 

Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e l’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi o al patrimonio dell’associazione il Consiglio direttivo dovrà intervenire ed applicare una delle seguenti sanzioni: richiamo, diffida, espulsione dall’Associazione.

 

Art. 4 – DIRITTI DEI SOCI

 

Tutti i soci maggiorenni hanno diritto:

  • a partecipare a tutte le attività sociali;
  • a ricevere le pubblicazioni edite dall’Associazione;
  • all’elettorato attivo e passivo alle cariche sociali.

 

L’elettorato è un diritto anche dei soci che partecipino temporaneamente alla vita associativa.

 

Ciascun socio è tenuto a versare annualmente una quota associativa nella misura fissata dall’assemblea su proposta del Consiglio Direttivo.

 

Art. 5 – PATRIMONIO SOCIALE E MEZZI FINANZIARI

 

Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da:

  • beni, immobili e mobili;
  • contributi;
  • donazioni e lasciti;
  • rimborsi;
  • attività marginali di carattere commerciale e produttivo;
  • ogni altro tipo di entrate.

 

I contributi degli aderenti sono costituiti dalle quote di associazione annuale, stabilite dal Consiglio direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea, che ne determina l’ammontare.

Le elargizioni in denaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall’assemblea, che delibera sulla utilizzazione di esse, in armonia con finalità statuarie dell’organizzazione.

E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Ai soci compete solo il rimborso delle spese varie regolarmente documentate.

 

Art. 6 – ESERCIZIO SOCIALE

 

L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio direttivo deve redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo.

I bilanci devono essere depositati 15 giorni prima della data dell’assemblea che li approva.

Il bilancio preventivo e consuntivo deve essere approvato dall’assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di aprile.

 

Art. 7 – ORGANI SOCIALI

 

Sono organi dell’Associazione:

  • l’assemblea dei soci;
  • il Consiglio direttivo;
  • il Presidente;

 

Tutte le cariche elettive sono gratuite.

 

Art. 8 –  ASSEMBLEA DEI SOCI

 

L’assemblea dei soci è atta ad assicurare una corretta gestione dell’Associazione ed è composta da tutti i soci maggiorenni, ognuno dei quali ha diritto ad un voto. Essa è convocata almeno una volta all’anno in via ordinaria ed in via straordinaria quando sia necessaria o sia richiesta dal Consiglio direttivo o da almeno un decimo degli associati.

In prima convocazione l’assemblea ordinaria è valida se è presente la maggioranza dei soci e delibera validamente con la maggioranza dei presenti; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.

L’assemblea straordinaria delibera in prima convocazione con la presenza e col voto favorevole della maggioranza dei soci e in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.

 

L’assemblea è convocata dal Consiglio Direttivo mediante avviso da inviare ai soci via e-mail. L’avviso di convocazione dovrà indicare il luogo, la data, l’ora in cui si terrà l’assemblea con il relativo ordine del giorno.

Il verbale delle delibere assembleari deve essere comunicate a tutti gli associati tramite e-mail.

 

L’assemblea ordinaria ha i seguenti compiti:

  • eleggere il Consiglio direttivo;
  • approvare il bilancio preventivo e consuntivo;
  • approvare il regolamento interno.

 

L’assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto e l’eventuale scioglimento dell’Associazione.

All’apertura di ogni seduta l’assemblea elegge un presidente ed un segretario che dovranno sottoscrivere il verbale finale.

 

Art. 9 – CONSIGLIO DIRETTIVO

 

Il Consiglio direttivo è composto da 3 membri, eletti dall’assemblea fra i propri componenti.

Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando sono presenti 2 membri. I membri del Consiglio direttivo svolgono la loro attività gratuitamente e durano in carica 1 anno. Il Consiglio direttivo può essere revocato dall’assemblea con la maggioranza di 2/3 dei soci.

Il Consiglio direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione “Il Circolo delle Quinte” si riunisce almeno 2 volte all’anno ed è convocato da:

  • il presidente;
  • almeno 2 dei componenti, su richiesta motivata;
  • almeno il 30% dei soci, previa richiesta motivata e scritta;

 

Il Consiglio direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.

Nella gestione ordinaria i suoi compiti sono:

  • predisporre gli atti da sottoporre all’assemblea;
  • formalizzare le proposte per la gestione dell’Associazione;
  • elaborare il bilancio consuntivo che deve contenere le singole voci di spesa e di entrata relative al periodo di un anno;
  • elaborare il bilancio preventivo che deve contenere, suddivise in singole voci, le previsioni delle spese e delle entrate relative all’esercizio annuale successivo;
  • stabilire gli importi delle quote associative annuali;

 

Di ogni riunione deve essere redatto verbale da affliggere all’albo dell’Associazione.

 

Art. 10 – PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

 

Il presidente dura in carica 1 anno ed è legale rappresentante dell’Associazione a tutti gli effetti.

Egli convoca e presiede il Consiglio direttivo, sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dall’Associazione; può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedere agli incassi.

Conferisce ai soci procura speciale per la gestione di attività varie, previa approvazione del Consiglio direttivo.

 

Art. 13. – REVISIONE DELLO STATUTO E SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

 

Per la revisione o modifica del presente Statuto, per lo scioglimento dell’Associazione e per la nomina dei liquidatori, decide l’assemblea dei soci in seduta straordinaria.

La destinazione dell’eventuale saldo attivo della liquidazione, come pure il patrimonio residuo non dismesso, dovranno essere destinati ad altri enti non commerciali che perseguono finalità analoghe, oppure a fini di generale o pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

 

Art. 20. – RINVIO

 

Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigente in materia.